Agenzia regionale per il lavoro dell'Emilia-Romagna > Centri per l'impiego > Servizi per le imprese
Servizi per le imprese
Comunicazioni obbligatorie

I datori di lavoro sono tenuti a comunicare ai Centri per l'impiego del luogo in cui si svolgono le attività lavorative (Centri per l'impiego di Ravenna, Faenza e Lugo) assunzioni, cessazioni, trasformazioni, proroghe, variazioni e rettifiche dei rapporti di lavoro, secondo i tempi previsti dalla normativa vigente in materia.

I soggetti obbligati a presentare le comunicazioni obbligatorie sono:

  • i datori di lavoro privati (per i datori di lavoro domestici la CO è solo verso l’INPS e sono previste procedure semplificate);
  • le pubbliche amministrazioni;
  • gli enti pubblici economici;
  • le agenzie di somministrazione.


Il giorno 11 gennaio 2008 è entrato in vigore il Decreto Interministeriale del 30 ottobre 2007 che obbliga i datori di lavoro a comunicare assunzioni, cessazioni, trasformazioni, proroghe, variazioni e rettifiche dei rapporti di lavoro e dei tirocini esclusivamente per via telematica.

Per la trasmissione telematica delle comunicazioni obbligatorie la Regione Emilia-Romagna, attraverso i Servizi per l'impiego, mette a disposizione dei datori di lavoro il sistema SARE.


Comunicazioni di assunzione
Salvo i casi particolari sotto indicati, le comunicazioni di assunzione devono pervenire entro il giorno antecedente a quello dell'instaurazione del rapporto di lavoro, per le assunzioni effettuate con i seguenti contratti:

  • contratto di lavoro subordinato;
  • contratti di lavoro parasubordinato e assimilato (contratto a progetto, contratto di agenzia e di rappresentanza commerciale, collaborazione coordinata e continuativa per le PA, mini Co.Co.Co, prestazione sportiva);
  • socio lavoratore di cooperativa;
  • associato in partecipazione con apporto di lavoro.


Comunicazione di cessazione
La comunicazione di cessazione deve pervenire entro 5 giorni. Nei casi di rapporto di lavoro a termine deve essere comunicata solo se la data di cessazione è diversa da quella indicata al momento dell'assunzione.


Comunicazione di inizio del tirocinio
Le imprese devono comunicare al Centro per l'impiego l'inizio di un tirocinio entro il giorno antecedente la sua attivazione e ogni altro tipo di esperienza lavorativa ad essa assimilata. La comunicazione di inizio tirocinio può essere trasmessa anche dai soggetti promotori per conto del datore di lavoro che ospita il tirocinante; la responsabilità della comunicazione rimane in ogni caso del datore di lavoro.
L'Agenzia Regionale per il Lavoro dell'Emilia-Romagna, per i tirocini in cui è soggetto promotore, restituirà al datore di lavoro o a il suo consulente, la convenzione stipulata affinché possa procedere con la comunicazione telematica tramite il sistema SARE.
Dal 1 settembre 2008 è obbligatorio (Delibera di Giunta Regionale n. 655 del 12/05/2008) inviare tramite il sistema SARE anche la convenzione e il progetto formativo dei tirocini svolti in una sede operativa situata nella regione Emilia-Romagna e regolamentati dall'art. 5 del DM n. 142/198.
All'atto dell’invio dell’attivazione di tirocinio (CO), che dovrà essere effettuato indicando nel modello di comunicazione le informazioni relative alla convenzione, al soggetto promotore e al tutor aziendale, il sistema rilascia il Codice Unico di Comunicazione che dovrà essere inserito nella schermata del Sare con la quale si trasmette la convenzione e il progetto formativo.
Convenzione e progetti saranno successivamente messi a disposizione della Direzione Provinciale del Lavoro, dei sindacati comparativamente rappresentativi sul territorio nazionale, della Regione con le modalità che la stessa Regione individuerà.
La Regione ha predisposto un manuale d'uso che vi invitiamo a consultare.

 

Casi particolari

  • Agenzie di somministrazione - Sono tenute a comunicare entro il ventesimo giorno del mese successivo alla data di assunzione, di proroga di trasformazione e di cessazione al servizio competente nel cui ambito territoriale è ubicata la sede operativa.
  • Pubbliche amministrazioni (L.183/2010) - Le pubbliche amministrazioni, compresi gli istituti e le scuole di ogni ordine e grado, sono tenute a comunicare entro il ventesimo giorno del mese successivo alla data di assunzione, di proroga, di trasformazione e di cessazione al servizio competente nel cui ambito territoriale è ubicata la sede di lavoro.
  • Istituti privati paritari - Sono tenuti a comunicare, al servizio competente nel cui ambito è ubicata la loro sede, l'instaurazione, la variazione e la cessazione dei rapporti di lavoro entro i 10 giorni successivi al verificarsi dell'evento (Nota Ministero del Lavoro del 27 novembre 2007).


Comunicazioni per il collocamento mirato
Le comunicazioni di assunzione del collocamento mirato devono pervenire entro il giorno antecedente a quello dell'instaurazione del rapporto di lavoro, le comunicazioni di cessazione entro 10 giorni.


Trasmissione dei prospetti informativi L.68/99 tramite SARE
La trasmissione dei prospetti informativi, previsti dalla L 68/99, deve essere effettuata dal 15 gennaio al 31 gennaio 2009 esclusivamente tramite SARE.I soggetti già in possesso di nome utente e password SARE possono accedere al SARE on line ed inviare i prospetti informativi L.68/99, senza richiedere un nuovo accreditamento. L'invio dei prospetti con strumenti diversi costituisce mancato adempimento.

 

Annullamenti
L’annullamento di una comunicazione è previsto nei seguenti casi: - per qualsiasi motivazione prima della scadenza del termine stabilito dalla legge per effettuare la comunicazione; per il mancato verificarsi dell’evento oggetto della comunicazione. La comunicazione di instaurazione di rapporto di lavoro può essere annullata entro la data prevista di inizio rapporto (Nota Circolare N.8371 del 21 dicembre 2007).

 

Rettifiche
Come indicato nella Nota Circolare n. 8371 del 21.12.2007, la rettifica dei dati essenziali può essere effettuata esclusivamente entro 5 giorni dalla comunicazione originaria. Successivamente a tale periodo potranno essere rettificati solo i dati non essenziali. Al termine della procedura di rettifica, la nuova comunicazione sostituisce la comunicazione rettificata, mantenendone la data di invio. In caso di particolari necessità o di situazioni che potrebbero danneggiare il lavoratore o il datore di lavoro (di seguito elencate), gli stessi datori di lavoro potranno richiedere ai Centri per l’impiego di effettuare una rettifica che prevede la modifica dei dati essenziali anche dopo i termini previsti. Tale comunicazione, nel caso ricorrano le condizioni, dovrà essere inserita direttamente dai Centri per l’impiego, esclusivamente nei seguenti casi:

  • rettifica a seguito di verbale di ispezione;
  • rettifica per variazione di agevolazione;
  • rettifica per variazione dati permesso di soggiorno. 


Sanzioni
L’inadempimento degli obblighi sopra menzionati è soggetto a sanzione amministrativa.



Link
Allegati