Agenzia regionale per il lavoro dell'Emilia-Romagna > Centri per l'impiego > Progetti
Progetti
Incentivi alle imprese per l'assunzione e la stabilizzazione dei giovani - PROGETTO CONCLUSO

Con la Delibera n. 510 del 23 aprile 2012 la Regione Emilia-Romagna ha predisposto un intervento straordinario per far fronte all'attuale situazione di crisi economica, che riguarda i giovani e le imprese.

L'intervento propone:

  • incentivi alle assunzioni per datori di lavoro che hanno assunto con contratto a tempo indeterminato
  • incentivi alle trasformazioni di contratti diversi dall'apprendistato
  • incentivi alle trasformazioni di un contratto di apprendistato

Anche in seguito al sisma che ha colpito l'Emilia-Romagna nello scorso maggio, con la nuova Delibera n. 1149 del 30 luglio 2012 la Regione ha modificato e integrato parte dei requisiti del progetto, con l'obiettivo di favorire la partecipazione delle imprese e di chiarire le disposizioni contenute nel bando.

Le modifiche e le integrazioni previste dalla Delibera 1149 hanno effetto a partire dal 30 luglio 2012.

 

Le modifiche introdotte riguardano:

  • la possibilità per le imprese ubicate nei territori colpiti dal sisma di aver fatto ricorso alla Cassa integrazione guadagni ordinaria e alla Cassa integrazione guadagni ordinaria in deroga nel periodo intercorrente fra l’1/1/2012 e la data di presentazione della domanda di incentivo.
  • l’innalzamento da € 35.000,00 a € 65,000,00 del tetto di reddito che i discontinui non devono aver superato nei 36 mesi precedenti la stabilizzazione, con attribuzione di priorità di finanziamento alle domande di incentivo riferite alle assunzioni di discontinui con tetto di reddito percepito nei 36 mesi precedenti la stabilizzazione non superiore a € 35.000,00.
  • l’ammissibilità, ai fini del conteggio del minimo di 18 mesi di occupazione richiesta per i discontinui, di qualsiasi forma giuridica di lavoro.

Le integrazioni riguardano:

  • le modalità per effettuare il conteggio della quota aggiuntiva per la trasformazione dei contratti di apprendistato.
  • i criteri per il ricalcolo dell’incentivo in caso di risoluzione del rapporto di lavoro incentivato prima dei tre anni di durata minima prevista.
  • la possibilità per le imprese di non presentare la fidejussione se accettano di ricevere l’incentivo una volta scaduti i tre anni di durata minima del rapporto di lavoro incentivato.

Beneficiari
Possono beneficiare dei contributi finalizzati alle assunzioni/trasformazioni a tempo indeterminato:

  • imprese e loro consorzi;
  • associazioni, fondazioni e loro consorzi;
  • cooperative e loro consorzi;
  • esercenti le libere professioni in forma individuale, associata o societaria.

Destinatari
Giovani da 18 a 34 anni:

  • disoccupati o inoccupati, che hanno reso la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al Centro per l'impiego.
  • discontinui, che nei 36 mesi precedenti la stabilizzazione hanno percepito un reddito lordo da lavoro non superiore a 65.000,00 euro e che sono stati occupati per almeno 18 mesi dei 36 precedenti, con qualsiasi forma giuridica di lavoro. La stabilizzazione di discontinui che nei 36 mesi precedenti hanno percepito un reddito lordo da lavoro non superiore a € 35.000,00 costituisce priorità di accesso agli incentivi.

Assunzioni /trasformazioni
Gli incentivi riguardano le assunzioni/trasformazioni effettuate sul territorio provinciale dal 1 gennaio al 31 dicembre 2012 a condizione che la retribuzione del lavoratore sia superiore ad 15.000,00 euro annui lordi.

 

Incentivi
Per l'assunzione l'incentivo è pari a:

  • 7.000,00 euro se riferita a uomini
  • 8.000,00 euro se riferita a donne

Per la trasformazione di un contratto diverso dall'apprendistato l'incentivo è pari a:

  • 6.000,00 euro se riferita a uomini
  • 7.000,00 euro se riferita a donne

Per la trasformazione di un contratto di apprendistato, l'entità dell'incentivo è composta da due quote:

  • una quota riferita alla trasformazione del contratto, pari a:
    - 3.000,00 euro se riferita a uomini
    - 4.000,00 euro se riferita a donne
  • una quota riferita alla percentuale di apprendisti assunti nell'arco dei 5 anni precedenti la data del 31 dicembre 2011, il cui contratto viene trasformato nel corso del 2012, prima della domanda di incentivo. La quota varia da 0 euro a 1.000,00 euro, per ogni apprendista trasformato/a. In particolare se si trasforma:
    - fino al 20% l’importo aggiuntivo è pari a € 200,00
    - tra 21% e 40% l’importo aggiuntivo è pari a € 400,00
    - tra 41% e 60% l’importo aggiuntivo è pari a € 600,00
    - tra 61% e 80% l’importo aggiuntivo è pari a € 800,00
    - oltre l’80% l’importo aggiuntivo è pari a € 1.000,00
    Il numero degli apprendisti assunti nell’arco dei 5 anni precedenti la data del 31/12/2011 da prendere in considerazione per il calcolo della percentuale va conteggiato al netto:
    - degli apprendisti il cui contratto è stato trasformato nel medesimo periodo
    - degli apprendisti il cui contratto si è risolto a seguito di licenziamento per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo
    - degli apprendisti il cui contratto si è risolto a seguito di dimissioni volontarie (non per giusta causa).

L'importo degli incentivi che saranno effettivamente assegnati all'impresa richiedente sarà calcolato in base alla percentuale del 50% o del 100% o del 150% in relazione agli intervalli temporali di eventuali licenziamenti collettivi o individuali per giustificato motivo oggettivo.

 

Presentazione della domanda
Le domande dovranno pervenire alla Provincia entro le 12.00 del 31 gennaio 2013, utilizzando le seguenti modalità:

  • consegna a mano tramite incaricato del soggetto richiedente;
  • spedizione tramite servizi postale (raccomandata con ricevuta di ritorno), corrieri privati o agenzie di recapito autorizzate;
  • posta elettronica certificata. La domanda per essere valida deve essere firmata digitalmente e riportare la dicitura “Bollo assolto virtualmente ai sensi del DM 23/01/2004 e Circolare 36/E del 6/12/2006 Agenzia delle Entrate” a certificazione dell’assolvimento. L’indirizzo PEC della Provincia è provra@cert.provincia.ra.it

Non farà fede il timbro postale. Il recapito della documentazione rimane ad esclusivo rischio del mittente.

 

Provincia di Ravenna
U.R.P. Ufficio Relazioni con il Pubblico
Piazza dei Caduti per la Libertà, 2/4
48121 Ravenna
Orari
lunedì - mercoledì - venerdì 8.30-13.30
martedì e giovedì 8.30-12.30; 14.30-17.30
dal 4 luglio fino al 2 settembre: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.30

 

Per informazioni
Fioranna Tassinari - Tel. 0544 258410; email ftassinari@mail.provincia.ra.it
Grazia Fabbri - Tel. 0544 258449; email gfabbri@mail.provincia.ra.it


Orari
Lunedì - mercoledì - venerdì 8.30-13.30
Martedì e giovedì 8.30-13.00; 14.00-16.30


Allegati
»Modulistica  (370 kb - DOC)