Logo del Centro per l'impiego - Provincia di Ravenna
.Vai alla fine del menú di sinistra.
Vai al sito dell'Unione Europea - Fondo sociale Europeo
Ministero del Lavoro e della Provvicenza Sociale
Stemma della Regione Emilia-Romagna.
Logo dell'Agenzia Regionale per il Lavoro - Emilia Romagna
54.158.253.14
 
Agenzia regionale per il lavoro dell'Emilia-Romagna > Centri per l'impiego > home page
 
Se cerchi lavoro stagionale..hai fatto centro.
Ravenna contro la crisi.
 
Notizie utili
Domanda di indennità di disoccupazione (NASpI) per il personale della scuola

Il 24 settembre 2015 è entrato in vigore il decreto legislativo che modifica la disciplina dello stato di disoccupazione. In particolare l'art. 21 del D.Lgs. 150/2015 prevede che la domanda di NASpI resa dall'interessato all'INPS, equivalga a dichiarazione di immediata disponibilità.

Per effetto della nuova normativa coloro che devono presentare domanda di NASpI possono, dal giorno successivo il termine del rapporto di lavoro, fare direttamente domanda on line sul sito dell'INPS oppure tramite patronato. Non deve essere sottoscritta la did tramite il Portale Lavoro per te e non è necessario presentarsi al Centro per l'impiego.

Sarà eventualmente il Centro per l'impiego competente per domicilio della persona a convocare successivamente per il  colloquio di orientamento e per la stipula del patto di servizio solo coloro che dopo l'inizio dell'anno scolastico risulteranno ancora in stato di disoccupazione.

Per informazioni contattare i Centri per l'impiego ai seguenti numeri telefonici: CPI Ravenna 0544 608028; CPI Faenza 0546 600611; CPI Lugo 0545 216211.

Formazione per le start up innovative: la Regione investe 2,2 milioni di euro

Con le risorse FSE saranno finanziate misure per sviluppare competenze di marketing e internazionalizzazione.
L’Emilia-Romagna investe nella formazione delle start up innovative. Da sempre impegnata per favorire investimenti e nuova occupazione, soprattutto attraverso la nascita di nuove imprese e in linea con quanto previsto dal Patto per il Lavoro, la Regione finanzia con 2 milioni e 200 mila euro del Fondo sociale europeo interventi formativi per rafforzare le competenze manageriali, la capacità di gestire i processi di commercializzazione, di marketing e di internazionalizzazione delle persone impegnate nella fase di avvio, di consolidamento e di ampliamento delle start up innovative.

Tutto questo è possibile grazie ad un bando che prevede in particolare l’attivazione di percorsi di formazione continua per acquisire le competenze negli ambiti gestionale e manageriale, della commercializzazione, del marketing e dell’internazionalizzazione, e azioni formative non corsuali per accompagnare le nuove realtà imprenditoriali, singolarmente o in modo congiunto, a trasferire le competenze acquisite nelle organizzazioni di lavoro.

Destinatari degli interventi sono imprenditori e figure chiave delle start up innovative – circa 800 attualmente in Emilia-Romagna - con sede in regione e registrate alla sezione speciale del Registro delle imprese presso le Camere di Commercio.  Le imprese con tali requisiti - o loro aggregazioni, omogenee per settore economico di riferimento e/o per area territoriale - interessate a questi interventi potranno costruire, insieme agli enti accreditati per la “Formazione continua e permanente”, percorsi mirati e rispondenti alle proprie effettive esigenze. Saranno proprio gli enti di formazione a dover presentare domanda entro il 31 luglio.

189 percorsi di formazione per persone in cerca di occupazione

Sono oltre 12 i milioni di euro che la Giunta regionale, grazie a risorse del Programma operativo del Fondo sociale europeo, ha destinato al finanziamento di 189 percorsi che serviranno a formare circa 2.500 persone in cerca di occupazione.

L’obiettivo è favorire l’accesso all'occupazione in coerenza con la priorità indicata dal Patto per il lavoro che orienta l’azione di ogni segmento dell’infrastruttura educativa regionale verso il rafforzamento e la qualificazione dei percorsi di transizione verso il lavoro e da un lavoro ad un altro, agendo sulla diffusione di conoscenze e competenze e, quindi, su un’ampia capacità di innovazione nella produzione e nei servizi alle imprese, alla persona ed alla comunità.

Con questo investimento si rendono disponibili azioni in grado di corrispondere ai fabbisogni formativi e professionali delle persone, per prevenire e contrastare la disoccupazione.

I percorsi, articolati in parte in aula e in parte presso imprese del territorio, permettono di acquisire competenze e titoli (certificati di competenze o qualifiche del sistema regionale) spendibili nelle diverse aree professionali delle imprese che operano nei settori dell’economia regionale.

Le azioni formative approvate sono state progettate e saranno realizzate dagli enti di formazione accreditati insieme alle imprese: una collaborazione strategica per intercettare, anticipare e implementare competenze nuove e innovative per lo sviluppo.

I potenziali destinatari sono persone che hanno assolto l’obbligo d'istruzione e il diritto-dovere all'istruzione e formazione non occupate che necessitano di azioni formative, per la riduzione del divario tra le competenze richieste dalle imprese e le competenze possedute, per l’inserimento lavorativo.

Le attività formative, finanziate dal Fondo sociale europeo, sono gratuite.

L’elenco dei percorsi approvati si trova nel sito della Regione.

Per avere informazioni puntuali sull’articolazione delle attività formative, requisiti di accesso e data e caratteristiche delle prove di selezione occorre rivolgersi all’ente di formazione titolare del percorso.

Perdita dello stato di disoccupazione

Pubblicazione degli elenchi delle persone che hanno perso lo stato di disoccupazione per violazione del patto di servizio.

Inserisci il tuo CV - iscriviti a Lavoro per Te - Il link verrà aperto in una nuova finestra.
 
Inserisci la tua Azienda - iscriviti a Lavoro per Te - Il link verrà aperto in una nuova finestra.